Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma-Grillitsch, si può. E c’è il tentativo per Roca

Si muove il mercato giallorosso

Due regalini, due gingilli. Niente di eccezionale, “piccole cose” come le chiama lui. Ma Mourinho si prepara ad accogliere i primi rinforzi già a inizio gennaio, quando riaprirà il mercato: un terzino destro e un centrocampista sono le priorità. La Roma non potrà spendere cifre enormi se non riuscirà contestualmente a incassare denaro dalle cessioni. Ipotesi in questo periodo storico abbastanza ottimistica.

Alla voce terzini è rimbalzata dalla Spagna la notizia di un nuovo sondaggio per Sergino Dest, esterno classe 2000 del Barcellona: è americano ma con passaporto olandese. Ma difficilmente finirà sul mercato a gennaio, a meno che Xavi non gli conceda il via libera. Improbabile anche l’arrivo di Diogo Dalot: da quando al Manchester United è arrivato Rangnick, ha ripreso a giocare. In Inghilterra un nome plausibile è Max Aarons, classe 2000 del Norwich. Ma costa. E l’Italia cosa offre? Soluzioni di contorno, come il polacco Bereszinskidella Sampdoria. Ma la sensazione è che il giocatore giusto non sia stato ancora individuato da Tiago Pinto.

La ricerca è attenta anche sul mercato. Con lo svizzero Zakaria destinato ai palchi nobili della Premier League, la Roma sta provando a prendere l’austriaco Grillitsch che è in scadenza di contratto con l’Hoffenheim. Nazionale, già sufficientemente esperto, può migliorare la qualità del reparto. Ma sempre in Bundesliga va monitorato il lavoro degli intermediari per snellire il monte ingaggi del Bayern Monaco: così si spiegano i contatti con Trigoria per Marc Roca, centrocampista spagnolo classe ’96 che si può muovere in prestito. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa