Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 20 dicembre 2019: la Roma travolge la Fiorentina al Franchi (VIDEO)

La squadra di Fonseca prima di Natale sfodera una prestazione da applausi: viola battuti 4-1

Il 20 dicembre 2019 si gioca la diciassettesima giornata della Serie A 2019-20. La Roma di Fonseca è attesa dalla partita del Franchi contro la Fiorentina dell’ex Vincenzo Montella. La prima occasione è di marca viola: Pulgar cerca Vlahovic, Pau Lopez in uscita chiude, la palla arriva poi a Boateng che calcia sul primo palo, ma trova una nuova opposizione da parte del portiere spagnolo. Poi inizia lo show della Roma, con un uno-due micidiale: al 18′ grande apertura di Pellegrini per Zaniolo, il 22 in scivolata mentre dentro per Dzeko che, tutto solo, spinge in porta. Al 21′ arriva il raddoppio: perfetta punizione di Kolarov che non lascia scampo a Dragowski. Al 34′ la Fiorentina prova a rientrare in partita con il gol di Badelj, bravo a sfruttare un tiro deviato di Caceres e a battere, uno contro uno, Pau Lopez.

Nella ripresa arriva il tris della Roma al minuto 73: grande uscita palla al piede della squadra di Fonseca, poi combinazione tra Pellegrini e Dzeko e il tiro piazzato dal limite dell’area del numero 7 è imprendibile per Dragowski. All’88′ Zaniolo si invola in contropiede verso Dragowski e col sinistro lo batte: quarto gol in campionato per il 22 e la Roma dilaga. Nel recupero c’è spazio per una traversa di Vlahovic su punizione. La Roma sbanca così Firenze, finisce 1-4: giallorossi al quarto posto a quota 35 punti, a -7 da Juventus e Inter appaiate in testa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord