Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Gasperini l’antipatico guastafeste

Gian Piero Gasperini è un uomo tranquillo. Una volta venne quasi alle mani con il Papu Gomez perché non voleva spostarsi di fascia…

Gian Piero Gasperini è un uomo tranquillo. Una volta venne quasi alle mani con il Papu Gomez perché non voleva spostarsi di fascia. Un’altra volta spintonò nel tunnel un dirigente della Samp dopo un’espulsione. Una volta diede del simulatore a Chiesa, un’altra volta a Immobile. Lui non cerca mai scuse, piglia quattro gol in casa dalla Roma e se la prende col Var per un fuorigioco evidente di un suo calciatore. Sull’altra panchina, rispetto a Gasp, Mourinho sembra don Bosco.

Gian Piero Gasperini non è un litigioso. Non ha mai avuto da ridire con nessuno, a parte Mihajlovic, Commisso, De Zerbi, Pioli, Lotito, Sarri, Simone Inzaghi, Maran e persino Claudio Ranieri, che non saprebbe litigare neppure con Genny Savastano. Non è vero che Gasperini ce l’abbia con gli arbitri: le sue dichiarazioni sono sempre state concilianti: “Questi signori sono un problema“, “Vengano a spiegarmi, ci mettano la faccia“, “Noi dell’Atalanta facciamo antologia sui rigori presi“, “Sono stato mandato fuori da un ragazzino“: si trattava di Livio Marinelli da Tivoli, 37 anni, arbitro e maresciallo dell’Esercito italiano con cui fu in missione di pace in Afghanistan, probabilmente per prepararsi a conoscere Gasperini.

Sempre teso, animato da oscuri rancori, a volte acido. Se vince è brillante, se perde è un piangina. Anche per questo i tifosi avversari lo detestano, nonostante la bellezza indubbia dell’Atalanta. Gian Piero Gasperini è un prodotto della Juventus, come allenatore restò per un decennio nel vivaio bianconero: per diventare davvero antipatici agli avversari, essere juventini non è indispensabile, ma aiuta. Quando un suo dirigente diede del terrone a un tifoso del Napoli, Gasp non fece una piega. E forse volò a Siviglia con i sintomi del Covid addosso. Resta di lui la meravigliosa Atalanta, ma anche l’Inter delle 3 sconfitte in 4 partite. Molto peggio quando prese a male parole un ispettore dell’antidoping a Zingonia e se la cavò con una nota di biasimo e 378 euro di multa. Scene non bellissime, con Gasp troppo spesso in evidente fuorigioco. Si vede anche senza Var.

Lo scrive La Repubblica

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Nicolas Burdisso potrebbe essere nominato ds della Roma, dopo l'addio alla Fiorentina che sarà ufficiale...
Striscione / Curva Sud / Roma
Il pubblico dell'Olimpico ha protestato in maniere veemente contro la Lega e contro Claudio Lotito...
Udinese-Roma
La Roma ha deciso di affrontare la trasferta di Udine partendo giovedì mattina e ripartendo...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...
Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...

Altre notizie