Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou e la Samp: dalle manette a gol-scudetto di Pazzini

Tanti episodi legano lo Special One ai blucerchiati

Chissà cosa gli passerà in mente oggi pomeriggio, quando si troverà di fronte quei colori. Perché se c’è un’avversaria che ha marchiato a fuoco i due anni di Mourinho in Italia con l’Inter è proprio la Sampdoria. Ad iniziare da quando fece il gesto delle manette a San Siro. L’Inter si giocava il titolo proprio con la Roma, Tagliavento cacciò nel primo tempo Samuel e Cordoba, e quando sventolò il giallo invece che il rosso a Pazzini, il tecnico verificò di essere a favore di telecamere e lanciò quel gesto che resta tra quelli leggendari del mondo del calcio: le manette.

“Le scuse? Non sono mai arrivate, ma che credo che rivedendolo anche lui non sia stato contento di quel gesto” ha detto pochi mesi fa lo stesso Tagliavento, ricordando l’episodio incriminato. Quella partita finì 0-0, ma Mou no poteva sapere che poco dopo sarebbe stata proprio la Sampdoria a regalargli lo scudetto su un piatto d’oro. Il 26 aprile i blucerchiati vinsero per 2-1 in casa di una Roma lanciatissima e che contendeva il titolo ai nerazzurri in un accesissimo testa a testa. A segnare quei due gol fu proprio Pazzini. Quel giorno la Roma perse lo scudetto e la Samp restituì a Mourinho, di fatto, quello che gli aveva tolto un paio di mesi prima. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa