Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Spinazzola intravede la discesa e il rinnovo

Ci vorrà ancora del tempo prima di rivedere l’esterno giallorosso in campo

Perdere la pazienza significa perdere la battaglia, insegnava il Mahatma Gandhi. È un processo mentale che Leonardo Spinazzola ha assimilato in fretta, sin da quando sorridendo saltellando sulle stampelle per festeggiare il titolo europeo a Wembley. Si era appena rotto un tendine d’Achille, forse il più grave infortunio che possa capitare a un calciatore. Eppure non ha mai smesso di pensare, di credere, che sarebbe tornato a giocare.

Il tempo del ritorno non è ancora arrivato, anche se la sua determinazione aveva fatto immaginare il contrario: servirà almeno un altro mese e mezzo di prima di rivederlo correre sulla fascia con la magia della Roma.

E nemmeno al cento per cento. Per stabilire con esattezza una roadmap bisognerà attendere la visita di controllo con il professor Lempainen, il chirurgo che lo ha operato, prevista dopo le feste, probabilmente a Turku, nella struttura dove venne eseguito l’intervento a giugno.

A gennaio saranno passati sei mesi, che sono il periodo minimo previsto dal protocollo per la ripresa degli allenamenti. Fino a questo momento Spinazzola ha lavorato da solo, ma ovviamente non è mai stato messo alla prova in un conteso pseudo-agonistico. Dal via libera del chirurgo, comincerà la fase di riatletizzazione. A Spinazzola serviranno circa tre settimane, più o meno il tempo canonico di una preparazione estiva, per tornare a giocare.

Se Mancini lo aspetta in Nazionale, Mourinho non vede l’ora di allenarlo. Al suo, i Friedkin hanno dovuto un altro terzino “vero”, Matias Vina. Ma Spinazzola è un saltabirilli insostituibile per qualunque squadra e qualunque tecnico. E per questa ragione la società sta valutando l’ipotesi di proporgli un rinnovo contrattuale (scadenza attuale 2024) come testimonianza di stima e supporto. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa