Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Arbitri alla svolta: un canale per spiegare gli episodi

Una scelta che cambierebbe completamente l’immagine della classe arbitrale

Un canale tematico, web o tv si vedrà, con video e trasmissioni a cadenze ancora da stabilire per spiegare gli episodi più discussi e il regolamento. Così da frenare le polemiche bollenti che spesso infiammano il campionato. La svolta degli arbitri in video potrebbe avvenire già a metà gennaio.

Il canale sarà della Federcalcio e permetterà all’AIA di creare uno spazio per aprirsi finalmente al confronto e all’esterno. Una “mossa” di avvicinamento e trasparenza. Il presidente dell’AIA Alfredo Trentalange lo aveva praticamente annunciato a Rai-GRParlamento il 20 dicembre. “A noi piacerebbe avere uno spazio, un canale di comunicazione che dobbiamo aprire per poter dare chiavi di lettura tecniche: credo sia per il bene del calcio. Con la Federazione ci stiamo pensando, ci stiamo lavorando e attivando, c’è un lavoro intenso in questo senso“.

La base operativa del canale (inizialmente on line, stando alle prime indicazioni) sarà nella casa della Federcalcio. Dovrebbe essere il designatore Gianluca Rocchi la persona più indicata a spiegare gli episodi avvenuti durante il campionato. Il tema su cui si sta ancora ragionando riguarda la cadenza di questi interventi. Inizialmente si è pensato potessero bastare un paio di appuntamenti al mese, per evitare di dover andare in video alla fine di ogni giornata come accade agli ex arbitri commentatori nelle trasmissioni televisive. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa