Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Sabatini:” Avrei preso anche io Mourinho. Pensavo a Scamacca come attaccante del futuro per la Roma”

Le parole dell’ex ds giallorosso

Walter Sabatini ha rilasciato un’intervista a Tuttosport, nella quale ha trattato diversi argomenti, tra cui anche quello della scelta della Roma di prendere lo Special One: “Avrei preso anch’io Mourinho alla Roma, sapendo però che con lui il ds non sarebbe servito”.

Su Rabiot, suo vecchio pallino che provò a vestire anche di giallorosso: “Rispetto le opinioni di tutti, ma è avventato chi definisce Rabiot un centrocampista scarso o mediocre. Io non ho cambiato idea su Adrien! È fortissimo, ma ha un difetto: quando gioca male, per caratteristiche è uno che si nota e si prende i fischi. Ci sono tantissimi altri giocatori che quando fanno male passano inosservati. Se parliamo di top club con disponibilità importanti, lo prenderei. Altrimenti i mie primi due centrocampisti in lista sarebbero Pobega del Torino e Frattesi del Sassuolo. Pobega sembra un giocatore d’altri tempi, mai in crisi d’identità: gli altri si truccano, lui invece è fedele a se stesso. Penso che il Milan, dopo l’ottima annata con lo Spezia, gli abbia voluto far fare un passaggio ulteriore al Toro, ma dall’anno prossimo lo vedo titolare in rossonero”.

Infine, su Scamacca, cresciuto nella Roma e ora oggetto del desiderio per molte squadre di A: “Ho sempre pensato a Scamacca come il centravanti della Roma del futuro e adesso lo potrebbe essere benissimo. Purtroppo, quando Scamacca era negli Allievi, feci di tutto per trattenerlo, proponendogli anche un contratto da prima squadra. Ma la famiglia viveva nella periferia di Roma e voleva fare questa esperienza in Olanda, al Psv. Magari Gianluca nella Juve non farebbe la differenza nel breve periodo come Icardi, ma è in fase di completamento e diverrà un top. Se in Italia il miglior centravanti è Vlahovic, Scamacca è il secondo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News