Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Unione Tifosi Romanisti: “Riconoscenza a Paolo Rossi, ma l’Olimpico non ha necessità di cambiare nome”

Roma Mourinho Olimpico

L’UTR contro l’intitolazione dello stadio al campione italiano scomparso un’anno fa

Attraverso un comunicato, l’Unione Tifosi Romanisti dice la sua sulla volontà di intitolare lo Stadio Olimpico a Paolo Rossi. Di seguito il comunicato.

“La Camera dei Deputati ha recentemente approvato un ordine del giorno che impegna il governo a valutare la possibilità di intitolare lo Stadio Olimpico di Roma a Paolo Rossi. L’Unione Tifosi Romanisti condivide lo spirito di chi vuole dimostrare riconoscenza a Paolo Rossi per quello che ha dato al calcio e all’Italia, ma non può non rappresentare prima della decisione taluni aspetti che suscitano forti perplessità, e non solo, nella tifoseria che rappresenta. Innanzi tutto si richiama il fatto che l’appellativo “olimpico” è di per se stesso ben superiore alla intitolazione a qualsiasi atleta. Non è un caso che lo stadio abbia preso tale nuova denominazione per le Olimpiadi del 1960 e quindi come patria e luogo per tutti gli atleti del mondo e di qualsiasi disciplina. Inoltre non si può sottacere che, ove lo Stadio Olimpico debba essere intitolato ad un atleta di qualsiasi disciplina, questi debba essere legato a Roma per storia sportiva o per nascita. Una scelta pertanto poco opportuna non nell’idea di un riconoscimento a Paolo Rossi cui possono essere intitolati altri impianti, ma nella scelta di uno Stadio che non ha necessità di cambiare nome e di una Città dove ancora le Società non riescono a costruire uno Stadio per le proprie squadre.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News