Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Juventus, Szczęsny: “Sono stato fortunato, parare un rigore è sempre bello”

Il portiere polacco della Juventus Szczęsny ha commentato il rigore parato su Pellegrini nel post partita

Wojciech Szczęsny ha parlato nel post gara ai microfoni di Dazn. Il portiere polacco ha commentato il rigore parato a Pellegrini. Ecco le sue dichiarazioni:

Il rigore?
“Parare un rigore in un momento così importante è una bella sensazione, ma non sono stato bravo, mi sono mosso male e sono stato bravo perché Pellegrini me lo ha tirato addosso. Sono stato più fortunato che bravo. Dovevo aspettare di più, Pellegrini ha due modi di tirare il rigore, io ho fatto la finta sulla rincorsa veloce e invece lui ha aspettato, mi sono trovato sbilanciato, ma per fortuna non ha cambiato angolo”.

A che punto del percorso siete?
“Ci stiamo arrivando, ci manca ancora un po’ di personalità, il dna Juve. Abbiamo giocatori che possono diventare da Juve, hanno qualità importanti, ma hanno bisogno di tempo per reggere la pressione”.

A cosa ti riferisci con DNA Juve?
“Dobbiamo essere più continui, ora siamo troppo altalenanti. Dobbiamo tornare a essere la squadra più forte d’Italia, ora non lo siamo”.

La difesa?
“È stata complicata la partita, ma anche per i meriti della Roma. Loro sulle palle inattive sono forti, ci hanno creato parecchi problemi”.

Il quarto posto?
“Chi non crede di arrivarci può restare a casa. Non è accettabile non andare in Champions per noi, siamo la Juventus e l’ambizione è sempre al massimo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario