Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Landucci: “Per la nostra rimonta il gol di Locatelli è stato determinante”

Marco Landucci, in panchina causa squalifica di Allegri, ha così commentato la rimonta bianconera all’Olimpico

Ecco le parole di Marco Landucci, secondo di Allegri e in panchina causa squalifica del tecnico toscano, ai microfoni di Dazn dopo Roma-Juventus 3-4:

Quanto pesa questa vittoria?
“Quando si vince è tutto più bello. Il gol di Locatelli ci ha ridato entusiasmo e abbiamo completato la rimonta. Abbiamo dimostrato di avere carattere, sono molto contento per il gol di De Sciglio. Ora attendiamo il ritorno del mister”.

Il match?
“Siamo partiti timorosi, sia nel primo che nel secondo tempo. Loro sono bravi sui piazzati e ci hanno fatto male, poi sotto 3-1 siamo stati bravi a crederci e il gol di Locatelli ci ha dato fiducia”.

I cambi arrivavano da Allegri?
“Non si può dire, io ero in panchina, ma ad allenare era tutto lo staff”.

Questa partita può essere una svolta?
“Sicuramente ci dà morale. Dobbiamo migliorare su tutto quello che abbiamo sbagliato, non ci aspettavamo la Roma con la difesa a 4 e ci abbiamo messo un po’ per adattarci”.

Morata?
“Lui è un giocatore forte, ha sempre dimostrato di dare tanto alla squadra. Oggi è entrato bene, ci ha dato qualità e profondità, è stato determinante”.

La pressione della Roma?
“Abbiamo fatto fatica a uscire, poi soprattutto con la qualità di Dybala siamo riusciti a fare meglio”.

Come vede Allegri in una veste diversa rispetto al passato?
“Sapevamo che l’impegno sarebbe stato difficile, ma dobbiamo lavorare per dare mentalità a questi ragazzi e sono convinto che riusciremo a vincere anche questa sfida lavorando”.

Chiesa come sta?
“Ha una distorsione al ginocchio, è da valutare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario