Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Graziani: “Ottima Roma per 70′, poi è successo l’incredibile. Da Mourinho mi aspettavo di più”

L’ex giallorosso Francesco (Ciccio) Graziani ha parlato dell’incredibile rimonta della Juventus all’Olimpico

Francesco (Ciccio) Graziani, ex calciatore giallorosso, ha parlato dell’incredibile partita di ieri contro la Juventus. Ecco le sue parole rilasciate a Tuttomercatoweb.com:

“Per 70 minuti la squadra giocato bene, è stata una bellissima Roma poi dopo si è rimangiata tutto il capitale. Mi è tornata in mente Cesena-Fiorentina quando io giocavo in viola: vincevamo 3-0 a 9 minuti dalla fine e pareggiammo 3-3. Il calcio è maledetto a volte, ciò che non succede in un’ora e venti accade in dieci minuti. Poi ci sono stati errori singoli, ha segnato anche De Sciglio che non faceva gol da tantissimo tempo”.

E Mou poteva fare di più?
“L’allenatore cosa può fare? Si sarà stupito guardando quel che succedeva e non si capacitava delle difficoltà della Roma in quel momento. Certo, se arrivava il gol su rigore il boccone era meno amaro e avremmo ragionato in modo diverso. La sconfitta è pesante perchè tutti assaporavano già la vittoria. Con Mou ci si aspettavano comunque risultati migliori e una squadra più continua”.

Con le big non vince mai…
“E questo va rimarcato, anche se a Torino se Veretout segnava su rigore la Roma non perdeva e se ieri i giocatori erano più attenti vincevano. Anche col Milan ha perso ma il primo rigore non c’era e il secondo gol è stato regalato da Ibanez. Non gira bene. In ogni caso da Mou mi aspettavo di più come carattere, voglia di combattere: per quanto riguarda gli 11 che la Roma manda in campo non posso pensare ci siano tante squadre superiori. E invece Empoli e Sassuolo hanno 28 punti e la Roma ne ha solo 4 in più. C’è qualcosa che non torna”.

Per la Roma addio Champions?
“Addio è una parola forte però le percentuali si abbassano nettamente: se l’Atalanta vince il recupero è ancor più dura. La Roma deve stare attenta all’obiettivo Europa League. La Juve ha fatto un salto in alto ma vince e non convince: nessuno è contento, solo chi guarda la classifica”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News