Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho: “Non devo scendere al livello della mia squadra”

La dura analisi del tecnico giallorosso a fine gara

La fiera dell’assurdo e dell’autodistruzione, la notte da sogno che diventa un incubo e rischia di chiudere ogni tipo di ambizione europea. La Roma di José Mourinho offre (si fa per dire) ai suoi tifosi una prestazione che si fa fatica a interpretare: quasi perfetta per 70 minuti, quando con qualità, attenzione tattica e caparbietà doma una pallida Juventus e si porta addirittura sul 3-1.

Dopo l’iniziale vantaggio di Abraham, che svetta più alto di tutti sul corner battuto da Veretout, e il pareggio di Dybala, con un tiro a giro dei suoi, i giallorossi hanno il merito di tornare con la giusta fame in campo nella ripresa: in 5 minuti un colpo da ko, il destro deviato di Mkhitaryan e la punizione al bacio di Lorenzo Pellegrini. 3-1 alla Juventus, l’Olimpico in festa e gli occhi di Francesco Totti, invitato dal club giallorossoper vedere la sfida dal vivo, che brillano e riflettono la bellezza vista in campo.

E allora sembra bastare l’ingresso in campo di Morata per rimettere in vita la squadra bianconera: sterzata su Ibanez, cross e gol di Locatelli. In quel momento esatto la testa della Roma fa clic, il grip sulla partita viene meno e la partita cambia incredibilmente copione. Prima Kulusevski, poi De Sciglio: in sette minuti la Roma incassa tre gol, da 3-1 a 3-4. Un possibile gol riporterebbe la squadra giallorossa in gara, potenziale 4-4 e otto minuti più recupero da giocare con un uomo in più. Pellegrini arriva sul dischetto sentendo tutto il peso del momento, rincorsa incerta e Szczesny para.

La notte si tinge di (bianco) nero, l’incredulità prende possesso dell’Olimpico e le facce dei calciatori raccontano lo shock di quanto accaduto. “Un collasso psicologico, il 3-2 ci ha ammazzato. Mi fa male l’anima perché non sono abituato a questo profilo di squadre ma sono qui per dar modo ai ragazzi di migliorare. Voglio però che la squadra mi segua per andare oltre i loro limiti, non che siano loro a portare me al loro livello“ il commento di Mourinho. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa