Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sbarca Oliveira: “Con la mentalità da vincente”

Sbarca a Roma il centrocampista portoghese

Si volevano, si cercavano da un po’ e adesso che si sono finalmente trovati vogliono che il cammino da fare insieme sia il più bello possibile. Per far sì che non sia limitato ai sei mesi del prestito, ma che abbia un dolce e lungo prologo, come nei migliori matrimoni.

Perché se a giugno la Roma dovesse decidere di investire 13 milioni di euro per il cartellino di Sergio Oliveira vorrà dire che il centrocampista portoghese avrà convinto tutti. E che avrà dimostrato di portare nell’ambiente giallorosso quella personalità e quella mentalità vincente che gli hanno chiesto – per prima cosa – sia Mourinho sia Tiago Pinto.

Oliveira vive questa avventura giallorossa quasi come una nuova vita, lui che in passato ha già lasciato spesso e volentieri il Porto. “È fantastico essere qui, la Roma mi ha voluto fortemente – dice –. Pinto mi ha detto di trasmettere all’ambiente la mia mentalità vincente. Al Porto è vietato perdere, sono abituato”. Ed è proprio su questo che Mourinho conterà molto, per avere un upgrade a livello di personalità, visto che anche dopo la Juventus l’ha indicata come una dei difetti della squadra.

“Qualsiasi giocatore vorrebbe lavorare con lui, la sua presenza ha avuto un peso nella mia scelta – continua Oliveira – Sono un centrocampista da box to box, a cui piace calciare in porta e sentirsi utile alla causa. L’obiettivo è di vincere qualcosa“. E di restare a lungo in Italia: “Fin da bambino ho sempre desiderato giocare in Italia, questo è un sogno che avvera“. E per renderlo bello davvero, Oliveira dovrà andare al massimo da qui a giugno. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa