Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Andreazzoli: “Siamo stati sfortunati. I numeri che ho visto io sono ottimi, ma servono le reti”

Il tecnico dell’Empoli Aurelio Andreazzoli ha analizzato la sconfitta contro la Roma ai microfoni di Dazn

Aurelio Andreazzoli, tecnico dell’Empoli ex Roma, ha rilasciato qualche dichiarazione nel post gara di Roma-Empoli. Ecco le sue parole ai microfoni di Dazn:

Nel primo tempo ha chiesto ai ragazzi di non perdere la testa, meglio nella ripresa
“Si, più che i primi 45 parlerei dei 15 dal 27esimo al 42esimo. Noi non siamo stati i soliti, abbiamo avuto due occasioni sullo 0-0. Dopo quel quarto d’ora che ci ha messo in difficoltà. Siamo calati anche con l’autostima che abbiamo ritrovato nella ripresa. Ci eravamo riproposti di vincere la ripresa, con un po’ di buona sorte avremmo potuto fare anche noi un 4-0 nel secondo tempo. Ho ringraziato i ragazzi per la reazione. Siamo stati bravi, i numeri che ho in mano indicano un predominio però si vince con le realizzazioni.”

Avete fatto male alla Roma nella ripresa ma state subendo tanti gol…
“Non lo so il perchè. Da angolo puoi prendere gol da tutti anche dai dilettanti, il primo gol nasce da un tiraccio poi messo dentro da Abraham. Lo metterei più nelle disgrazie che nei problemi. Ci abbiamo anche messo del nostro come nel terzo gol. Sono situazioni che possono accadere, ma voglio vedere la risposta come ci è stata. Alla fine anche una sconfitta può essere una crescita, a volte un interno piede è meglio di un colpo di tacco”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario