Resta in contatto

Roma Femminile

Spugna: “Ragazze bravissime nell’interpretazione della gara. Tre punti fondamentali”

Ecco il commento di Mister Spugna dopo la vittoria delle ragazze giallorosse contro il Napoli: “Ottima interpretazione”

Alessandro Spugna, mister della Roma femminile, commenta così il successo delle giallorosse sul Napoli per 1-0. Ecco le sue dichiarazioni rilasciate ai canali ufficiali del club capitolino:

Una vittoria di misura che, per la qualità messa in campo dalla Roma, non rende giustizia a quella che è stata veramente la gara.
“Le partite sono così. Purtroppo, quando giochi contro squadre che stanno lottando per non retrocedere, le gare possono complicarsi. La partita è stata quasi in comando, perché il Napoli non ha creato grosse occasioni. Noi ci abbiamo provato più di una volta, avremmo potuto chiudere in vantaggio il primo tempo. In questo momento abbiamo la consapevolezza di poter sbloccare le partite in qualunque momento. Oggi ci siamo riuscite a dieci minuti dalla fine. Bene così, perché sono tre punti molto, molto importanti”.

Dal punto di vista del gioco, cosa le è piaciuto di più?
“L’interpretazione. Abbiamo fatto quello che avevamo pensato nel preparare la partita. Poi – è chiaro – se non sblocchi il risultato con quelle due o tre occasioni da gol, i minuti passano, le maglie si stringono e diventa sempre più complicato. Siamo state brave ad avere la pazienza necessaria a gestire la palla quando serviva e a offendere quando era il momento. Poi magari viene fuori anche un gol in mischia, ma bene così: sono tre punti veramente importanti”.

E soprattutto, la Roma è ancora seconda.
“Sì, la Roma è ancora seconda. Ci sarà da lottare fino all’ultima giornata, ma lo sappiamo. L’obiettivo è quello di ragionare partita per partita. Sono finali che vanno interpretate come abbiamo interpretata oggi la partita: con personalità, con agonismo, con la voglia di fare risultato”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile