Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo-arbitri, adesso il conto non torna più

Seconda espulsione stagionale per il 22 giallorosso

Corriere dello Sport – Nicolò Zaniolo non ha retto di nervi, dopo una settimana in cui si era parlato più del suo futuro che del suo talento. Più di contratti che della Roma. Come prima reazione ha cercato il pallone, provando un bis che sarebbe stato regolare. Ma ha tirato il pallone a quella Curva Sud che poco prima ne aveva accolto delirante la sfrenata esultanza. E allora, sconsolato e turbato, si è rivolto all’arbitro Abisso, ripensando a quel tiro vincente, a quella magia spaventosa, che un fallo avvenuto dieci secondi prima aveva disinnescato.

“Ma che cazzo fischi?” ha urlato Zaniolo tre volte – così ha raccontato Mourinho dopo un colloquio con Abisso – con atteggiamento poco sereno. L’arbitro ha sentito e ha deciso: cartellino rosso, fuori. È stata la sua seconda espulsione stagionale, dopo il doppio giallo rimediato alla prima giornata contro la Fiorentina, e l’ennesimo momento di dibattito con la classe arbitrale. Ma stavolta le conseguenze disciplinari possono essere pesanti. Perché Zaniolo, quando ha visto il rosso, si è agitato molto. E’ stato Mourinho, entrato in campo, a trascinarlo via dai guai. Prima di uscire, incontenibile, Nicolò ha riempito di calci anche uno dei tabelloni a bordo campo.

Occorrerà aspettare il giudice sportivo per conoscere la durata della squalifica. Che non gli impedirà di giocare martedì in Coppa Italia contro l’Inter – solo le sospensioni a tempo, comminate per comportamenti gravissimi, vengono estese a tutte le competizioni – ma lo terrà lontano dal campionato per un po’. Salterà di sicuro il Sassuolo, poi si vedrà.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa