Resta in contatto

Rassegna Stampa

Vincere e basta o giocare bene? Se Mou logora chi non ce l’ha

È una vecchia storia: la Roma gioca male, si narra. Come puntualmente (ri)accaduto dopo il pari contro il Genoa…

È una vecchia storia: la Roma gioca male, si narra. Come puntualmente (ri)accaduto dopo il pari contro il Genoa. Ma cosa significa giocare male o bene? Si vince segnando un gol più dell’avversario. Stop. Non conta giocare meglio dell’avversario. Conta fare un gol in più. Si può giocare bene anche facendo una grande gara difensiva. Conta il fine, non il mezzo. Conta portare a casa i tre punti, non conta come li porti a casa.

È più appagante una brutta vittoria che un bella sconfitta. O no? E le partite si possono vincere anche segnando un gol all’ultimo secondo di gara, magari dopo aver rischiato di prenderne otto. È il punteggio che determina il risultato, non la prestazione. Solo che quando c’è di mezzo la Roma, anzi Mourinho, questa regola non vale.

Per vincere devi giocare bene. Vietato vincere una partita “sporca”. Disdicevole non massacrare l’avversario. Il “corto muso” per Mou non è contemplato. E dove sta scritto? La Roma ha vinto diverse partite giocando “male” e ne ha perse altrettante giocando “bene” Nessuna squadra del campionato le ha vinte tutte strappando applausi per il suo gioco. In pochi, però, hanno avuto voglia di confutare criticamente l’accaduto. Solo con la Roma, anzi con Mou, vale il “eh, ma devi giocare bene…”. Pure se/quando non vinci perché non ti hanno dato un rigore solare oppure perché te ne hanno dato uno contro inesistente.

Ci sono tecnici elogiati a pieni polmoni per il loro modo di giocare, eppure in classifica stanno pari al portoghese, subito davanti o appena dietro. E allora? Si sa: Mourinho logora chi non ce l’ha.

Lo scrive oggi La Repubblica 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa