Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pinto: “Zaniolo patrimonio da tutelare. Il rinnovo? Ora guardiamo alla squadra”

Prima della partita è tornato a parlare Tiago Pinto, il g.m. della Roma. Ripartendo proprio da Zaniolo, l’uomo di cui aveva parlato in modo incauto una settimana fa

Zaniolo è un patrimonio della Roma, ma anche del calcio italiano e va tutelato – dice –. Se guardiamo i suoi numeri (riferendosi alle sanzioni, ndr) sembra più un difensore centrale che un attaccante. Nicolò è un bravo professionista e un bambino d’oro. Il suo rinnovo? In questo momento dobbiamo guardare alla squadra e non ai singoli“.

Poi Pinto è tornato sulle ultime dichiarazioni di Mourinho, quelle post-Genoa, con l’attacco al sistema e quel “la Roma è piccolina agli occhi del potere“. “La nostra proprietà è molto vicina alla squadra – dice Pinto – e Friedkin dice che se si parla sempre della stessa cosa questa diventa un problema. Se ogni volta che vengo in tv parlo di queste cose, c’è un problema. Vorrei non parlarne più perché significherebbe avere l’uniformità di giudizio. E anche uniformità negli episodi arbitrali”.

Infine un pensiero sulla Juventus e il quarto posto: “La squadra più importante siamo noi, facciamo ciò che dobbiamo fare e a fine stagione vedremo la classifica e ciò che sarà successo“.

La Gazzetta dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa