Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Spezia-Roma 0-1: Picco d’amore dal dischetto

La Roma vince nel finale su rigore

RUI PATRICIO  6,5

Poco sollecitato, nella ripresa fa due parate importanti.

Trigoria

MANCINI  5

Il suo score di cartellini gialli punta al record assoluto. Troppi, troppi.

SMALLING 6

Non sbaglia quasi nulla, ordinato e concentrato come nei suoi standard.

KUMBULLA  5,5

Ordinato nel primo tempo, va in difficoltà su alcuni contrasti nella ripresa.

KARSDORP 6

Gara di corsa ma ancora ricca di imprecisione nell’ultimo passaggio. Cresce nella ripresa.

VERETOUT  5,5

Scolastico, senza grossi errori ma nemmeno intuizioni in grado di cambiare la storia del match.

CRISTANTE 6

Metronomo silenzioso ma a tratti lento. Poche sbavature in una gara senza punti esclamativi.

ZALEWSKI  6,5

Debutto da titolare, che ripaga la fiducia che Mourinho gli ha concesso.

PELLEGRINI 6,5

Un palo, due grandi occasioni e una prestazione di carattere e personalità.

MKHITARYAN  6

Sempre nel vivo dell’azione, nell’ennesimo ruolo che lo Special One gli cuce addosso in questa stagione.

ABRAHAM  7

La partita è da 5, macchiata da un gol divorato di testa. Ma quel rigore pesava come un macigno e i tre punti di oggi sono d’oro.

Zaniolo

ZANIOLO  6,5

Mou lo fa fuori dall’undici titolare, lui nella ripresa mette in campo tutto il suo potenziale e si guadagna un rigore pesantissimo.

EL SHAARAWY 6

Entra nel finale e partecipa al forcing del secondo tempo di marca giallorossa.

SHOMURODOV  SV

Non incide.

BOVE  SV

Entra nei minuti finali, giusto in tempo per esultare con i compagni.

MOURINHO  6,5

Si vede la partita dal bus e la vince. Ma la vince cambiando veste tattica alla Roma, puntando su Felix e dando più assistenza ad Abraham.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma