Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou infierisce su Gasperini e riapre la corsa Champions

Altra vittoria di Mou contro Gasp, aperto uno spiraglio per la Champions

Mourinho, nelle sue esperienze italiane, ha incrociato Gasperini sette volte: cinque vittorie e due pareggi. E se poteva essere più facile quando lo Special One allenava l’Inter e Gasperson il Genoa, in questa stagione la sua Roma ha strappato 6 punti su 6 alla Dea.

Fatti, non parole. Sono anche le uniche due vittorie nei big match di campionato ottenute dai giallorossi ma quella di ieri ha un peso particolare perché la Roma aggancia l’Atalanta (che ha una gara in meno) e tiene aperto uno spiraglio per la zona Champions. Ancor più importante è che la vittoria è arrivata con una prova di squadra che fa ben sperare per la prossima stagione, quella che dovrà essere del raccolto dopo la semina.

È vero che l’Atalanta, nella ripresa, ha messo le tende nella metà campo avversaria, però Rui Patricio ha dovuto fare una sola parata importante, su Freuler liberato da un triangolo con Koopmeiners. Semmai ha rischiato di più Musso nelle ripartenze romaniste che sono costate il gol di Abraham nel primo tempo e una clamorosa occasione per Pellegrini, liberato da Mkhitaryan con un assist prezioso, nella ripresa.

Il gol della Roma merita un approfondimento. Come all’andata, Mourinho ha preparato nei minimi dettagli la partita. Palla recuperata da Karsdorp su errore di Pasalic e rilancio immediato; stop decisivo di Zaniolo, che ha mandato in tilt Palomino; verticalizzazione per Abraham che ha battuto Musso in uscita con il suo gol numero 13 in campionato, il settimo nelle 9 partite giocate nel 2022. Lo scrive il Corriere della Sera.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa