Resta in contatto

Roma Primavera

De Rossi: “Non dobbiamo guardare la classifica. L’obiettivo è dare il massimo sempre”

Alberto De Rossi ha rilasciato alcune dichiarazioni ai canali ufficiali del club in vista del match di domani contro l’Atalanta 

Il tecnico della Roma Primavera Alberto De Rossi ha parlato ai microfoni dei canali social ufficiali del club giallorosso. Il mister ha presentato il match di domani contro l’Atalanta (fischio d’inizio ore 12:30), parlando anche del momento attuale dei suoi ragazzi. Ecco le sue parole:

“Analizziamo tutte le partite per cercare sempre di fargli tirare fuori il massimo. Ultimamente non ci riesce, ogni partita è diversa. Verona è diversa come sconfitta, perché lì veramente abbiamo fatto poco. Forse è stata la nostra partita meno brillante. Ma anche in quest’occasione, come anche a Pescara, quando abbiamo giocato sottotono le prime frazioni di gioco, i due secondi tempi sono stati straordinari. Noi dobbiamo ritrovare tranquillità e non guardare la classifica, perché a volte questo vantaggio che abbiamo accumulato può essere negativo”.

All’andata con l’Atalanta una delle migliori gare della stagione?
“Contro l’Atalanta all’andata i ragazzi fecero una partita sotto tutti i punti di vista buonissima, ripetendo questa prestazione in tante altre partite. Ben venga una squadra così forte, una squadra che si sta riprendendo e che conosciamo bene. Perché così azzeriamo la classifica, tutti gli altri obiettivi. L’obiettivo è dare il massimo in tutti e due i tempi e continuare a formarci, perché questo cambiamento di mentalità da un tempo all’altro non ci porta da nessuna parte”.

La Roma è capolista: è una motivazione in più per gli avversari?
“Per noi è un onore, ma così deve essere sempre. Sarebbe deleterio anche per noi giocare contro una squadra che gioca sottotono, noi dobbiamo incontrare delle difficoltà. Ma dobbiamo incontrarle per merito degli avversari, non per demeriti nostri e questo sta avvenendo. Però poi l’obiettivo deve essere uno: migliorare il singolo e la squadra e portarli a essere dei professionisti, professionisti che giocano con la stessa mentalità e concentrazione per tutta la partita”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera