Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stavolta il derby è Special. Mou: “Tutto perfetto tranne gli olé della Sud

La soddisfazione dello Special One

Non aveva chiesto il bel gioco, né di tenere palla. Aveva chiesto semplicemente di giocare per i tifosi e vincere: la sua Roma lo ha pienamente accontentato. Il trionfo giallorosso nel derby è tutto di José Mourinho, assoluto protagonista del pomeriggio dell’Olimpico. Lo Special One ha preparato la stracittadina in maniera perfetta, curando ogni minimo dettaglio, distruggendo il piano gara di Sarri con intensità, attenzione tattica e qualità in ogni zona del campo. Ha zittito gli olé della Curva Sud a fine primo tempo, ha vestito i panni del direttore d’orchestra nel finale di gara, gestendo ogni fase della partita da stratega navigato, che qualcuno aveva frettolosamente etichettato come “bollito”.

Sarri ne esce distrutto, lui che aveva letto bene il derby dell’andata, ha capito invece poco e nulla di quanto accaduto in quello di ritorno, non riuscendo nemmeno con i cambi a modificare l’inerzia della gara. Un tracollo biancoceleste che non toglie nulla al dominio giallorosso.

“Oggi è stato speciale, sembrava che tutto quello che avevamo pianificato di fare i ragazzi siano stati capaci di metterlo in campo, contro un avversario che nel secondo tempo ha giocato con l’orgoglio tipico di chi deve recuperare il risultato. Ma i ragazzi hanno meritato la vittoria” è la fotografia fornita da José Mourinho nel post partita.

Lo Special One si gode il suo trionfo, mostrando però sempre grande rispetto per l’avversario: “Non mi piacciono gli olè, soprattutto quando i giocatori lo interpretano come un momento di show o come se la partita fosse finita. Il rispetto è una cosa importante: bisogna giocare per vincere, ma sempre con rispetto per avversario”.

Il portoghese ha chiuso la sua analisi con l’elogio per il suo bomber inglese: “Questo è Tammy. Quando voi dite che Abraham è fantastico, io non sono d’accordo. Non parlo solo dei gol, ma del modo in cui ha giocato, pressato, tenuto palla. So che lui può giocare come ha giocato oggi. Da lui esigo tanto“. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa