Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 29 marzo 1959: la Roma schianta il Napoli 8-0 (VIDEO)

I giallorossi distruggono i partenopei con un risultato storico. La vittoria arriva grazie alla tripletta di Da Costa e alle doppiette di Pestrin e Selmosson

Il 29 marzo del 1959 la Roma otteneva una vittoria storica contro il Napoli di mister Amedeo Amadei, vecchia gloria della giallorossa campione d’Italia del 1942. Su un terreno reso pesantissimo dalla pioggia, gli uomini del rientrante allenatore Gunnar Nordahl dominano la gara sin dai primi minuti cancellando la difesa avversaria e bersagliando con successo la porta dei partenopei. Dopo 8 minuti la Roma conduce già 2-0 grazie alle reti di Lojodice e Pestrin. Trascorrono solo 4 minuti e Dino da Costa inizia il suo show: 3-0. Rete che replica al 21′ dopo una finta al limite dell’area e conclusione che non dà scampo a Bugatti: 4-0. La Roma continua ad attaccare un Napoli frastornato ma il palo permette al portiere partenopeo di non raccogliere altri palloni dal sacco almeno fino alla fine del primo tempo.

Nella ripresa l’estremo difensore azzurro si oppone agli attaccanti giallorossi in varie occasioni ma al 18′ da Costa, da distanza ravvicinata, firma la sua tripletta personale: 5-0. I giallorossi continuano ad attaccare ma Bugatti più volte si oppone limitando i danni. Al 29′ Pestrin, al termine di una discesa personale, infila nuovamente: 6-0. Solo 3 minuti e questa volta è Selmosson a rubare palla in area e battere il più volte bersagliato Bugatti. A 2 minuti dal termine dell’incontro lo stesso Selmosson con un’azione caparbia fissa il punteggio sul definitivo 8-0. Il triplice fischio mette fine al calvario partenopeo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord