Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Spinazzola, il verdetto: ultimi test in Finlandia per riprendersi la Roma

Spinazzola

Controllo decisivo per l’esterno giallorosso

Parlare di verdetto, in fondo, sa molto di “legal thriller”, perciò di vittime e salvatori, colpevoli e innocenti. Invece Leonardo Spinazzola è partito per il suo viaggio verso la Finlandia senza trionfalismi né malinconie.

Semplicemente con la consapevolezza di aver fatto tutto il possibile per tornare al meglio, dopo il grave infortunio al tendine d’achille che, nel giugno scorso, ha appannato la gioia della vittoria dell’Europeo. Da quel momento, per quello che è il miglior terzino sinistro italiano, è cominciata la lunga rincorsa verso il futuro, innescata dalla decisione di farsi operare a Turku dal professor Lasse Lempainen, “mago” dei tendini.

Spinazzola, operato il 5 luglio, aveva commosso il calcio, partecipando in stampelle, sul prato di Wembley, alla festa azzurra. A colpire, poi, era stato soprattutto il suo sorriso, che non ha mai perso neppure nei giorni più bui dello sconforto.

Negli esami che Spinazzola sosterrà oggi e domani in Finlandia – dove è volato accompagnato dal dottor Costa, medico sociale del club – tutti sperano che arrivi il via libera definitivo che consenta al terzino di tornare alla convocazione e poi, gradatamente, a essere impiegato nelle partite stagionali che restano.

È ovvio che nessuno chiederà a Leonardo di ripetere subito le stesse prestazioni con cui ha lasciato il palcoscenico del calcio a giugno durante l’Europeo, però tutti sperano che la fascia sinistra ritrovi al più presto il suo padrone, in quello che potrebbe essere un lungo sprint batticuore sia in campionato che in Conference League. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa