Resta in contatto

News

Consegnati i beni di prima necessità raccolti per l’Ucraina

Prosegue l’impegno dell’AS Roma a sostegno della popolazione ucraina colpita dalla guerra

Nel pomeriggio di oggi il Club ha consegnato alla Protezione Civile quanto donato per migliaia di famiglie e bambini ucraini presso i diversi punti raccolta organizzati in seguito allo scoppio del conflitto.

I tifosi giallorossi – attraverso il network attivato dall’AS Roma – hanno mostrato prontamente il proprio sostegno rispondendo in modo estremamente positivo alla call to action del Club. Grazie al loro indispensabile contributo sono stati raccolti beni di prima necessità concordati con UNHCR, come indumenti per adulti e bambini, giocattoli e alimenti non reperibili, medicinali e materiale didattico.

I punti di raccolta – attivi per oltre tre settimane – sono stati gli AS Roma Store, le parrocchie, i Roma Club, le ASD, le sedi della Società dell’Eur e di Trigoria.

La consegna è avvenuta alla presenza di Francesco Pastorella, direttore del Sustainability and Community Relations Department, Giuseppe Napolitano, direttore del Dipartimento Protezione Civile di Roma Capitale, e Carmelo Tulumello, direttore dell’Agenzia Regionale della Protezione Civile.

I beni verranno distribuiti per conto della Protezione Civile presso gli alloggi della città di Roma che accolgono i bambini ucraini.

Lo riporta il sito ufficiale della “A.s Roma”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News