Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nela: “Cuore e carattere come col Dundee. In queste situazioni si misura lo spessore di un gruppo”

Sebino Nela ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso di un’intervista: ecco le sue parole

Sebino Nela è stato intervistato alla vigilia di Roma-Bodø. I giallorossi sono chiamati a una rimonta stile 1983-84, quando Nela e compagni ribaltarono il match d’andata (lì i gol da recuperare erano addirittura due) con un rotondo tre a zero. Ecco le sue parole, rilasciate a “Il Messaggero”:

Nela, che cosa scatenò la vostra rabbia?

Nella partita giocata in Scozia non ci furono episodi particolari. Il match fu corretto. Qualche giorno prima del match di ritorno i giornali italiani riportarono però alcune espressioni pesanti dell’allenatore del Dundee contro gli italiani. Italian Bastards ripetuto più volte. Questi insulti ci indignarono e a fine match si scatenò la nostra reazione. La foto che mi ritrae con il dito medio è l’immagine più forte di quel momento. Mi dispiace, non bisognerebbe mai compiere gesti come questo, ma all’epoca avevo 23 anni e poi aggiungi la tensione di quel pomeriggio.

Anche Cerezo, Di Bartolomei, Oddi e Righetti dissero qualcosa a Mclean.

Ago si era arrabbiato leggendo le dichiarazioni dell’allenatore scozzese. Tutti, in generale, volevano replicargli dopo quell’Italian Bastards.

Si sta creando un clima simile in vista della gara contro il Bodo.

Beh io intanto preciserei i contorni. Quella fu una semifinale di Coppa dei Campioni, mentre qui siamo nella terza delle coppe europee. Quella Roma fu una squadra straordinaria.

Non c’è il rischio che un eccesso di tensione possa danneggiare la Roma contro i norvegesi?

In queste situazioni si misura lo spessore di un gruppo. Noi dovevamo rimontare lo 0-2 dell’andata e segnare almeno tre gol per andare in finale, ma quel giorno scendemmo in campo con la carica di chi era pronto a dare il mille per cento. La sfida contro il Bodo va affrontata così, anche perché il pubblico della Roma storicamente, di fronte a una prestazione di cuore e di carattere, non condannerà mai i giocatori.

Che cosa serve per un’impresa sportiva?

Senso di appartenenza, carattere, passione. Poi, se l’avversario si dimostra più forte, gli stringi la mano.

Tutti con Mourinho: ha riunito una tifoseria spaccata da almeno un decennio.

Adoro Mourinho. Avrei voluto essere allenato da lui quando giocavo. Se mi avesse chiesto di andare a schiantarmi contro il muro a duecento all’ora, io lo avrei fatto a trecento.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa