Resta in contatto

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Roma-Bodø/Glimt 4-0: niente palle di neve, la semifinale è nostra

La Roma vola in semifinale

RUI PATRICIO  SV

Un tuffo per i fotografi. Si fa la doccia per spirito di condivisione.

Trigoria

MANCINI  7

Puntuale, preciso e concentrato.

SMALLING  8

Un giocatore frustrante per gli avversari. Non sbaglia nulla, mai.

IBANEZ  7

Elastico come una molla, pronto e reattivo su ogni pallone.

KARSDORP  7

Generosità e corsa perdifiato, il padrone della corsia destra.

CRISTANTE  8

Scherza con i centrocampisti del Bodø/Glimt. Gli riesce tutto, sale in cattedra all’Olimpico.

MKHITARYAN  7

Si mette in cabina di regia, con sacrificio e qualità.

ZALEWSKI  8

La Roma ha guadagnato un titolare. Prestazione mostruosa, assist delizioso.

PELLEGRINI  7,5

Partita da capitano, di corse e rincorse, di passaggi e scivolate. Sempre al servizio del compagno.

Zaniolo

ZANIOLO  9

Nicolò, ma dov’eri finito? Aspettavamo una serata simile per rivedere tutto il tuo talento. Partita di rara bellezza, tre gol meravigliosi.

ABRAHAM  7,5

Mister 1-0, sempre lui. L’uomo di ghiaccio arriva da Londra, non da Bodø.

FELIX  6

Prende il posto di uno Zaniolo esausto. Tanta corsa, ma combina poco con il pallone.

SERGIO OLIVEIRA  6

Ingresso in campo vivace, difende la posizione e gestisce con attenzione i palloni.

CARLES PEREZ 6

Il premio che Mourinho gli concede nel finale dopo il gol alla Salernitana.

VERETOUT SV

Entra nel finale.

MAITLAND-NILES SV

Entra nel finale.

MOURINHO  8

La sua Roma annienta il Bodø/Glimt. Non c’è stata partita, ma lui lo sapeva.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma