Resta in contatto

Rassegna Stampa

Video e accuse, Bodo a nervi tesi

Il Bodo Glimt non ci sta. La decisione della Uefa di respingere il ricorso per annullare la squalifica di Knutsen ha scatenato l’indignazione

Il Bodo Glimt non ci sta. La decisione della Uefa di respingere il ricorso per annullare la squalifica di Knutsen ha scatenato l’indignazione dei norvegesi, che affronteranno il match di questa sera senza il tecnico a bordo campo.

Poco dopo la nota pubblicata da Nyon, in rete è improvvisamente comparso il video della rissa tra Nuno Santos e Knutsen, pubblicato sull’edizione online del quotidiano britannico Indipendent. Le immagini appaiono tutt’altro che chiare e, paradossalmente, i frame più nitidi sono proprio quelli in cui l’allenatore sferra un pugno sul mento del preparatore dei portieri giallorosso.

Un episodio che si somma alle dichiarazioni di Knutsen e del direttore generale del Bodo, che nei giorni scorsi erano tornati a parlare dell’atteggiamento provocatorio tenuto dai membri della panchina della Roma. Lo Special One ha invece ignorato per tre volte le domande dei giornalisti norvegesi, che hanno tentato invano di stuzzicarlo sulle questioni extra-campo.

A rendere ancor più infuocata la vigilia anche i post di alcuni tifosi romanisti che – sui social – hanno invitato chiunque si trovasse nelle vicinanze dell’hotel che ospita il Bodo ad utilizzare il clacson durante la notte.Un clima che sembra aver messo in apprensione i 1500 tifosi gialloneri arrivati in Italia e che si presenteranno all’Olimpico indossando maschere con il volto di Knutsen. Saltnes ha cercato di sdrammatizzare in conferenza stampa: «Siamo abituati alla confusione e andrà tutto bene. Abbiamo tante persone con noi per la sicurezza ma non siamo spaventati. Se qualcuno suonerà il clacson metterò i tappi».

Il Tempo 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa