Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Capello: “Sono felice di aver passato cinque anni a Roma, ma è un posto che ti brucia. Zaniolo è penalizzato dagli infortuni”

Fabio Capello ha rilasciato un’intervista alla vigilia di Inter-Roma. Le sue parole sui giallorossi e sulla sua esperienza nella capitale

Fabio Capello, allenatore della Roma Campione d’Italia 2000-2001, è tornato a parlare dei giallorossi. Lo ha fatto alla vigilia di Inter-Roma, in un’intervista rilasciata ai microfoni della Gazzetta dello Sport. Ecco le sue parole:

La Roma che arriva a San Siro ha testa solo alla Conference? 

No, conosco l’uomo…

L’uomo portoghese? 

Sì, Mourinho avrà la testa solo sull’Inter, poi penserà al Leicester. È troppo tardi per raggiungere la Champions, ma vorrà fare bella figura a San Siro e ha una squadra in un gran momento. La partita per l’Inter si prospetta difficilissima, anche se non ci sarà Zaniolo, che per me è un talento incredibile ma purtroppo penalizzato dagli infortuni. Nicolò deve stare attento e curarsi, curarsi, curarsi: chi dovesse prenderlo, sa che acquista un giocatore forte ma fragile.

Con questo entusiasmo ritrovato, è definitivamente la Roma di Mou? 

Diciamo che è entrato nel cuore dei romanisti, che si meritano queste gioie. Sono felice di aver passato cinque anni là, ma è un posto che ti brucia: ti esalta e poi ti manda giù, non c’è equilibrio. José adesso è su, ma soprattutto ha una squadra che si diverte.

64 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

64 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa