Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham e Vardy, tra Coppa e Qatar: Leicester-Roma vale come un derby

Sfida tra i due bomber

Due i nomi che spiccano a rappresentare due realtà ben distinte, che giovedì sera saranno contrapposte per strappare la finale di Conference League: da una parte Jamie Vardy, che scenderà in campo per il Leicester. Dall’altra Tammy Abraham, che difenderà i colori giallorossi.

La città inglese ha circa gli abitanti di un quartiere di Roma, e non fosse per l’impresa targata Ranieri in pochi la vedrebbero così come la vedono oggi. Come fatturato però, giallorossi e Foxes sono vicini: poco più di 250 milioni gli inglesi, non molto sotto i 200 milioni i giallorossi.

E poi ci sono Abraham e Vardy, che vogliono il mondiale in Qatar con la propria Inghilterra e che si metteranno in mostra proprio nella sfida europea. Ottimista il numero 9 di Mourinho, che in un’intervista ha identificato nel portoghese una vera e propria figura paterna e che si dice fiducioso del fatto che la Roma, se in giornata, possa battere chiunque. E poi le parole al miele per quella che dalla scorsa estate è la sua nuova tifoseria.

Vardy è invece la stella del Leicester, ma a 35 anni iniziano a vedersi alcune ruggini: in questa stagione è stato fermo spesso per problemi alla coscia e al ginocchio, che gli hanno fatto saltare 21 partite. Dall’ultimo stop è rientrato sabato, giocando una manciata di anonimi minuti contro l’Aston Villa. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa