Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo, gli occhi della Premier

Tanti estimatori in Inghilterra del talento giallorosso

Avrà gli occhi addosso di tanti, se non di tutti. Perché dopo la splendida tripletta rifilata al Bodo/Glimt ci si aspetta da lui l’upgrade definitivo a livello internazionale. E tra quei tanti occhi lì, ce ne saranno anche alcuni assai interessati. Già, perché Nicolò Zaniolo piace alla Roma – come è giusto e ovvio che sia – ma piace anche a tante altre società che sperano un giorno di averlo con sé.

E tra queste ce ne sono almeno un paio di Premier League, il Tottenham e il ricchissimo Newcastle, che giovedì saranno spettatori assai attenti al King Power Stadium di Leicester. Facile pensare che i due club – e forse anche qualcun altro – mandino osservatori o dirigenti per vedere Nicolò dal vivo. L’occasione, del resto, è troppo ghiotta, con la Roma impegnata a Leicester e un palcoscenico internazionale, dove testare anche da vicino l’abitudine del giocatore a gestire certe pressioni.

Il discorso tra la Roma e Zaniolo è un discorso aperto da tempo, tanto che lo stesso giocatore subito dopo il ritorno con il Bodo/Glimt a specifica domanda sul suo futuro, ha risposto così: “Cosa succederà non lo so“. L’appuntamento per il rinnovo del contratto (scadenza giugno 2024) è stato rimandato a fine stagione.

Nelle due semifinali la Roma ha bisogno esattamente del miglior Zaniolo, di quello lustrato a dovere contro il Bodo/Glimt, abbattuto dall’attaccante giallorosso con una magnifica tripletta. “Una notte che avevo sognato proprio così – ha detto ieri Zaniolo al sito dell’Uefa – Stadio pieno, partita decisiva. È stata una delle notti più belle della mia carriera, insieme a quella dell’esordio al Bernabeu e della doppietta al Porto. Tre notti europee. Non abbiamo paura, ci giocheremo la gara con le nostre carte ed i nostri mezzi“. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa