Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo lancia la volata: “Prendiamoci la Coppa”

Le parole del numero 22 giallorosso

Sogna di tornare a giocare presto la Champions League, lui che aveva sbalordito tutta Europa con quella doppietta al Porto negli ottavi. Ma il numero 22 giallorosso ha riscoperto la bellezza di essere decisivo in coppa: il boato dell’Olimpico ha accompagnato la sua tripletta al Bodo/Glimt e ora Nicolò Zaniolo non vuole più fermarsi.

Questo significa andare in fondo alla competizione, per vincere finalmente con la maglia della Roma. Penultimo step la doppia semifinale con il Leicester: “È una squadra forte, noi però siamo la Roma, abbiamo dimostrato quest’anno di potercela giocare con tutte: non abbiamo paura, andiamo a giocarci la partita con le nostre carte e con i nostri mezzi”.

Il talento della Roma ha presentato così la sfida ai canali ufficiali dell’Uefa: “Vincere la coppa sarebbe motivo di grande orgoglio, sarebbe un punto di partenza e non un punto d’arrivo. Per i tifosi significherebbe tantissimo, quindi noi quest’anno ci proveremo a portarla a casa“.

Lo stesso pensiero che ha da settimane José Mourinho. Lo Special One ha ormati rotto gli induci e dichiarato, nel post partita di Inter-Roma, di voler continuare a cullare il sogno Conference League: “Mourinho è uno dei più forti allenatori al mondo! Ha inculcato a tutti l’arte del non mollare mai, dell’essere sempre sul pezzo. Con il mister che sa come fare a vincere, penso che abbiamo più possibilità“. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa