Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Garzya: “Zalewski ha grandi colpi. Zaniolo-Juve? Non è facile dire di no, Nicolò deve scegliere”

Luigi Garzya ha commentato il momento attuale della Roma e di alcuni calciatori nel corso di un’intervista radiofonica

Luigi Gazya, difensore della Roma dal 1991 al 1994, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso di un’intervista ai microfoni di TMW Radio. Ecco le sue parole:

“Penso che la mano di Mourinho sia stata fondamentale nello sviluppo di Zalewski. Primo perché lo ha lanciato, poi da quando è entrato in campo ha dimostrato di poter giocare con continuità. Ha grandi colpi e la strafottenza giusta per giocare in un palcoscenico come l’Olimpico e con una maglia pesante come quella della Roma”.

Su Zaniolo invece, cosa le consiglierebbe per il futuro?

“Zaniolo è in una situazione particolare: quando ci sono sirene di squadre importanti è chiaro che ogni giocatore ci pensi. Quando la Juventus ti tampina non è facile dire di no. Come talento non si discute, è molto forte e può migliorare. È il futuro della Nazionale e uno dei talenti migliori che abbiamo. Adesso però deve scegliere, perché Roma è pesante come piazza”.

E sul lavoro fatto in generale da Mourinho?

“Mourinho non passa alla storia per il bel calcio, pur essendo uno degli allenatori più vincenti della storia. Però è molto concreto e cura tanti aspetti fondamentali del ruolo dell’allenatore. Un giocatore da sei spesso riesce a rendere come un otto con lui. In più è una figura che trasmette carisma nello spogliatoio”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra