Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Rodgers: “Complimenti alla Roma. C’è delusione”

Le parole dell’allenatore degli inglesi: “Il nostro tallone d’Achille erano i calci piazzati e questo ha fatto la differenza”

Brendan Rodgers ha parlato in conferenza stampa dopo la sconfitta per 1-0 contro la Roma. Di seguito le dichiarazioni dell’allenatore del Leicester.

Sensazioni?
“Complimenti alla Roma per essersi qualificata. C’è delusione. Nessuna delle due squadre ha creato tante occasioni, loro sono stati più bravi di noi nel primo tempo. Abbiamo cambiato sistema di gioco all’intervallo, abbiamo cercato il momento per svoltare la partita. I ragazzi hanno dato tutto. Il nostro tallone d’Achille erano i calci piazzati e questo ha fatto la differenza, per questo c’è delusione. È stato un bel viaggio per noi, stasera una atmosfera fantastica”.

Sui calci piazzati…
“È un problema soprattutto fisico. Abbiamo cercato di fare il possibile per cambiare l’inerzia, abbiamo marcato a uomo, a zona, ma non siamo stati abbastanza regolari. Abbiamo concesso troppi gol facili, questo ci ha messo sulla difensiva e lo abbiamo pagato caro. I calci piazzati hanno a che vedere anche con l’organizzazione, è chiaro che ci mancano centimetri in quelle situazioni”.

Sull’arbitraggio…
“Sono deluso, frustrato. Non so se l’atmosfera abbia contribuito, ma tutte le decisioni sono andate contro di noi”.

Quest’anno avete giocato tantissime partite…
“Abbiamo cercato di competere su tutti i fronti, cercando di vincere dei trofei. Ora dobbiamo pensare al prossimo anno. I giocatori faranno tesoro di queste esperienze, l’anno prossimo potremo ricompattarci e tornare più forti. Avremo motivazione e fiducia per il futuro. L’anno prossimo avremo più tempo per preparare le partite”.

Come mai Pereira in marcatura su Abraham?
“Hanno cinque ottimi colpitori di testa, i difensori centrali, Tammy… dovevamo fare una scelta. C’è un mismatch fisico, sapevamo che da qualche parte la coperta sarebbe stata corta”.

Qualcuno avrebbe potuto fare di più a livello individuale?
“Questa è una squadra giovane, che sta facendo esperienza. È naturale che qualcuno non abbia reso al massimo, è duro fare esperienza sulle sconfitta, ma è importante trarre lezioni importanti. Mi è piaciuta la reazione della squadra, ci è mancata qualità negli ultimi 30 metri. Davvero un peccato non essere riusciti a scardinare la Roma”.

Nella prossima stagione non giocherete per vincere titoli…
“Tanto orgoglio per il cammino fatto, ricominciamo dal prossimo fine settimana, cerchiamo di finire forte per avere lo slancio in vista della prossima stagione”.

Sul futuro…
“Si tratta di progredire coi giocatori che abbiamo già, ma per competere bisogna rafforzare la rosa. Servirà un po’ di tutto. Interverremo nei punti giusti. Peccato oggi, è mancato l’ultimo passaggio, è mancato qualcosa per fare la differenza. Aggiungere quella qualità costa denaro.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario