Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho vuole l’Europa, match point al Franchi: Abraham stringe i denti

La Roma di scena a Firenze

Un uomo attento ai ricordi e ai numeri come José Mourinho, fattore ampiamente dimostrato in occasione della sua millesima panchina, celebrata con tanto di corsa sfrenata sotto la Curva Sud, nella sfida vinta con il Sassuolo, è impensabile che abbia rimosso la sua prima gara di campionato da allenatore della Roma: era il 22 agosto 2021, allo stadio Olimpico, lo Special One iniziava la stagione battendo per 3-1 la Fiorentina.

Ben 260 giorni dopo, stranezza temporale dovuta al calendario asimmetrico, giallorossi e viola si rivedono in campo, ma con un percorso ormai ben definito alle spalle. Quasi uno spareggio, un vero e proprio match point per la Roma per assicurarsi un posto in Europa nella prossima stagione, l’ultima spiaggia per la Fiorentina per tornare a giocare in coppa. José Mourinho vuole gestire con intelligenza l’avvicinamento alla finalissima di Conference League, ma deve fare i conti con l’importanza della sfida: uscire sconfitti dal Franchi rimetterebbe in gioco tutto e costringerebbe la Roma agli straordinari anche nelle ultime due giornate di campionato.

Lo Special One si aggrappa ancora una volta ai numeri del passato: nei 7 precedenti in carriera non ha mai perso contro la Fiorentina ma al Franchi ha vinto solo in Coppa Italia. Proverà a sfatare così il tabù in campionato, cercando di sfruttare lo score positivo sul quale i giallorossi possono contare a Firenze: negli ultimi 20 incroci tra le due squadre, solo 3 vittorie per la Viola, a fronte di 14 successi della Roma e 3 pareggi.

Ma chi pensa di vedere all’opera una Roma B sbaglia e di grosso. Davanti a Rui Patricio, Kumbulla prenderà il posto di Ibanez, componendo la difesa con Smalling e Mancini (cresciuto nel vivaio viola). In mediana Karsdorp a destra, Veretout titolare con Cristante, facendo riposare Sergio Oliveira, El Sha pronto a far rifiatare Zalewski (con la carta Spinazzola da giocarsi a gara in corso).

Davanti Felix e Carles Perez si giocano una maglia per completare il reparto offensivo con Pellegrini e Abraham: l’inglese ha finito la sfida di coppa stremato ma stringerà i denti. Iniziale panchina per Zaniolo, che ha una voglia matta di tornare al gol, che in campionato manca dal 23 gennaio, quando andò a segno nella sfida con l’Empoli. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa