Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Fiorentina-Roma 2-0: Mou viola dalla rabbia, c’è Guida e tanta stanchezza

La Roma perde a Firenze

RUI PATRICIO  6

Prova a salvare la Roma da una serata complicata.

Trigoria

MANCINI  5,5

Serata con il solito giallo e poca qualità.

SMALLING  6,5

Sempre lucido, sempre sul pezzo, sempre Smalling. Cabral è l’ultimo ad essere annullato dal colosso inglese.

IBANEZ  5

Si prende qualche buon fallo ma rimane a guardare sul tiro di Bonaventura.

KARSDORP  5

Non è rigore, ma ingenuo il tocco su Gonzalez (già in caduta). Poco altro nella sua partita.

CRISTANTE  5,5

Lento, poco ispirato, non la sua serata.

SERGIO OLIVEIRA  5,5

È in campo con tutti i sentimenti, ma le giocate non sono tutte all’altezza.

ZALEWSKI  5

Ha spesso tanto nell’ultimo mese, tantissimo. Male questa sera, soprattutto sulla scelta di non chiudere su Bonaventura.

VERETOUT  5,5

Ci prova, con la corsa e con la voglia. Ma nessuna giocata ha gli effetti speciali.

PELLEGRINI  5,5

Una punizione ben battuta, contrasti e palleggi in mezzo al campo ma non riesce ad incidere.

ABRAHAM  6

Il suo colpo di testa rischia di far esplodere il settore ospiti. Tante giocate utili e di qualità.

Zaniolo

ZANIOLO  4,5

Entra all’intervallo. Inquadrato, l’ultima volta in cui si vede.

EL SHAARAWY  6

Qualche strappo interessante, un ingresso vivace.

CARLES PEREZ  SV

Il nulla o poco più.

SHOMURODOV SV

Ingresso nei minuti finali.

SPINAZZOLA 10

Bentornato Leo!

MOURINHO  5,5

Una furia contro Guida e Banti. Ma l’impresa europea la paga in termini di brillantezza e gamba.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma