Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma-Feyenoord, Tomorri (Federcalcio Albania): “Ci aspettiamo 90mila tifosi a Tirana”

Ecco le previsioni in vista della finale di Conference League del 25 maggio

Il dirigente della Federcalcio albanese, nonché responsabile dell’organizzazione della finale di Conference League, Kejdi Tomorri, è intervenuto nella trasmissione televisiva di Top Channel “Wake Up”. Ecco le sue parole in vista della finale del prossimo 25 maggio:

Le previsioni non erano così alte, ma abbiamo avuto un contatto ieri con i delegati UEFA: dall’Italia sono attese 60-70 mila persone, ovviamente tutte senza biglietto perché di queste lo avranno solo in 4000. Dall’Olanda, come ci ha informato la polizia olandese, arriveranno tra le 18 mila e le 20 mila persone. Procedura solo online e gestita dall’UEFA. Invito gli albanesi ad acquistare i biglietti, perché oggi si apre il portale e chi acquista dall’Albania avrà la priorità. Non è stato semplice organizzare un evento del genere. Visto anche che erano in corsa sette federazioni, tra cui Francia, Galles e Israele. Innanzitutto si giocherà in uno stadio moderno, che ha tutte le condizioni per ospitare una finale europea. D’altra parte penso che il Comitato Esecutivo dell’UEFA volesse una finale a Tirana, poi bisogna sottolineare il grande lavoro della Federazione perché per alcuni particolari, come la capacità dell’aeroporto e la viabilità, non rientravamo nei parametri previsti. Ma l’UEFA ha curato ogni dettaglio, abbiamo organizzato numerosi gruppi di lavoro, che a volte impegnavano anche 80-100 persone. Ci hanno portato un piano dettagliato, consegneremo all’UEFA lo stadio il 15 maggio e loro gestiranno tutto”.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News