Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Arbitri e anticipo: la Roma è infuriata

Dopo quanto successo con gli arbitri in questa stagione, arriva anche un rifiuto importante da parte della Lega Serie A: l’ira della Roma

La Roma è furiosa. Dopo il rigore concesso da Guida alla Fiorentina, che ha scatenato l’ira di tecnico e società, a peggiorare l’umore della dirigenza di Trigoria è la non-decisione della Lega di Serie A in merito alla richiesta presentata il 6 maggio per anticipare l’ultima gara di campionato a venerdì 20 e preparare la finale di Conference League nei quattro giorni successivi.

La Lega infatti ha comunicato alla Roma che la scelta verrà ufficializzata soltanto lunedì prossimo. Tempistiche che rischiano di complicare i piani dei giallorossi: la prossima settimana Torino sarà teatro di numerosi eventi – primo fra tutti il Salone Internazionale del Libro – e non sapere quando si giocherà la partita con i granata comporterà inevitabilmente problemi a livello logistico. Trovare un hotel in grado di ospitare un club di Serie A potrebbe rivelarsi complicato e al momento l’ipotesi più probabile è la scelta di un alloggio fuori città.

Una situazione che al speravano di non dover affrontare e che si aggiunge al “problema arbitri”, diventato ormai una costante della stagione. L’episodio del Franchi e l’intervento del Var per il contatto tra Gonzales e Karsdorp ha scatenato la reazione di Tiago con la Fiorentina per un duro sfogo contro la classe arbitrale: “Abbiamo l’obbligo di migliorare tutti gli aspetti del nostro lavoro. Questo vale anche per le regole e gli arbitri. Purtroppo arriviamo alle ultime due giornate di campionato, con questa lotta per l’Europa, senza che si capisca qualcosa. Ogni settimana ne capita una – tuona il general manager – arriviamo a fine stagione stanchi. È facile dire che la panchina della Roma fa delle sceneggiate, senza sapere cosa succede sulle altre o che la Roma si lamenta degli arbitri. Non mi piace parlare, ma dopo 36 giornate ancora non si capiscono regole e protocollo. Così non è possibile. Voglio che a fine stagione ognuno si prenda le proprie responsabilità. In una partita decisiva per l’Europa è stata fischiata una cosa sbagliata. Per me è sempre meglio fare piuttosto che parlare e trovare scuse ma arrivati a questo punto, sono molto stanco“. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa