Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 14 maggio 2019: la Roma annuncia la fine della carriera giallorossa di De Rossi (GALLERY)

Tre anni fa, con un comunicato apparso sul sito ufficiale, il club giallorosso annunciava l’addio del suo capitano

14 maggio 2019: un giorno storico, quanto triste, per la storia della AS Roma. Con un comunicato apparso sul proprio sito ufficiale, rilanciato su tutte le piattaforme social, il club capitolino annunciava la fine della carriera in giallorosso di Daniele De Rossi. “Quasi 18 anni fa un giovanissimo Daniele De Rossi faceva il suo debutto con l’#ASRoma contro l’Anderlecht. Con il Parma, all’Olimpico, giocherà la sua ultima partita con la nostra maglia. Sarà la fine di un’era”, si leggeva nel comunicato.

Roma-Parma sarà l’ultima partita di Daniele De Rossi in giallorosso

Il giorno stesso, alle 12:45, il calciatore tenne una conferenza stampa nel quale disse che l’addio dalla Roma era stata una scelta della società e che la sua carriera da calciatore non era ancora da considerarsi conclusa. Alla conferenza partecipò anche il CEO Fienga che dichiarò di “non aver trattato, colpevolmente, l’argomento della situazione di De Rossi fino a quel momento”. Una volta terminata ci fu l’abbraccio di Daniele con il resto della squadra.

De Rossi: “Ringrazio la società però mi sento ancora calciatore”

L’addio definitivo avvenne il 26 maggio 2019 al termine di Roma-Parma, ultima giornata della scorsa stagione terminata 2-1 per i giallorossi. La “fine” di una storia d’amore, confinata al campo, ma il legame tra De Rossi e la sua gente non finirà mai.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord