Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mourinho mai sotto il sesto posto in 14 stagioni complete

La Roma sta per concludere uno dei campionati meno esaltanti della carriera di Josè Mourinho: record di sconfitte. Ma la coppa europea potrebbe cambiare tutto

Venerdì Mourinho concluderà a Torino il suo primo campionato intero dopo 4 anni. Gli era successo per l’ultima volta col Manchester United, che nel 2017-18 terminò al 2° posto la Premier a -19 dai cugini del City (che con Guardiola chiusero a 100 punti tondi): poi il ManU lo esonerò a dicembre nel 2018, il Tottenham lo ingaggiò a novembre 2019 e lo mandò via ad aprile 2021 alla vigilia della finale di League Cup poi persa contro il solito Manchester City (tanto che Mou calcola come 25… e mezzo i trofei nella sua bacheca).

Il 6° posto attuale della Roma è in linea col peggior piazzamento della carriera: in 14 stagioni complete è finito 13 volte sul podio (8 “scudetti”, 4 secondi e un terzo posto) arrivando appunto 6° con lo United nel 2016-17. Sulla panchina giallorossa ha peggiorato i suoi record negativi di sconfitte in campionato (11) e totali (14), una in più di quelle subite la scorsa stagione col Tottenham.

Con una media punti di 1,621 in serie A è solo 14° all time fra i tecnici della Roma, in una classifica guidata da Spalletti (422 punti in 211 partite, una media di 2 secchi); ed è fuori dalla top ten, 11°, anche contando le coppe con 1,754 punti-partita, appena dietro all’1,764 del suo predecessore, l’altro portoghese Fonseca. Che però non è riuscito a vincere un trofeo: e a quello, la Conference League in palio il 25 maggio, punta Mourinho, per interrompere 5 anni di digiuno personale (non ne aveva mai avuti così tanti) e 14 della Roma. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa