Resta in contatto

Rassegna Stampa

Big in forse e la pretattica di Mourinho: “La finale? Non ne voglio parlare”

In conferenza Mourinho fa agitare i tifosi: “Quattro big in dubbio per la finale”. Verità o pretattica?

Dipendesse da José Mourinho, i contatti con la stampa sarebbero davvero sporadici. Strano per uno dei più abili comunicatori che la storia del calcio abbia conosciuto, in grado di trasformare ogni sua conferenza stampa in un appuntamento imperdibile. Ma lo Special One è personaggio senza filtri e fatica a ignorare la sua vera indole. “Non sono contento di stare qui a parlare della finale di mercoledì. Non sono contento di fare un allenamento in cui non potevo svolgere la parte tattica“. Lo ha definito “fake” ed è quello che è andato in scena nella mattinata di ieri: scatti, torello e partitella a campo ridotto. Giusto il tempo per Cristante di prendersi un bel pestone da Felix e mandarlo a quel paese nel silenzio di Trigoria.

Non ha voluto mostrare nulla ai cronisti presenti nel Media Day, anzi, ha fatto risuonare forte l’allarme sugli infortunati: “Mkhitaryan non ha ancora fatto un allenamento con la squadra: nessuna possibilità per venerdì, poche per la finale. Zaniolo poche per venerdì, un po’ di più per mercoledì. Smalling è infortunato, è in dubbio per la finale. Karsdorp tra i quattro è quello messo meglio“.

Un bollettino medico allarmante, quattro big in dubbio per la partita più importante dell’anno. A metà strada tra verità e pretattica, un piccolo problema in vista di Torino ma, al contempo, una catastrofe in vista della finalissima di Tirana. Eppure a pochi metri da lui arrivavano segnali diversi. Karsdorp ha svolto un lavoro programmato: Sorridente e rilassato, è stato uno dei protagonisti della mixed zone con i media stranieri. Probabile un turno di riposo a Torino, ma nessun dubbio sulla sua presenza in campo a Tirana.

Stesso discorso per Smalling, protagonista di un siparietto con Abraham dopo l’allenamento mattutino: “Siamo pronti per la finale“. Lo sarà anche lui, qualche sofferenza muscolare sarà tenuta sotto controllo con il Torino, per poi tornare al suo posto a Tirana. Pochi dubbi per Nicolò Zaniolo: il problema muscolare sembra superato, nei prossimi giorni è previsto il rientro in gruppo. Non partirà titolare con il Torino ma sembra molto difficile che possa saltare la tanto attesa finale di mercoledì.

Veniamo a Mkhitaryan: l’armeno è ancora in dubbio, anche se ha assicurato la presenza nella finale ai tifosi fuori dal centro sportivo giallorosso. Ancora zero allenamenti con la squadra, ad una settimana esatta dalla finale. Ma c’è tempo per rientrare, anche lunedì, per effettuare due sedute con i compagni e presentarsi in buone condizioni nella finale. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa