Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Slot: “Domani bisognerà giocare come tutto l’anno. Mourinho? Dopo 55 partite sarà difficile sorprenderci”

Arne Slot, allenatore del Feyenoord, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Feyenoord. Ecco le sue parole

Arne Slot, allenatore del Feyenoord, ha parlato in conferenza stampa ala vigilia di Roma-Feyenoord, finale di Conference League. Il fischio d’inizio della gara è previsto a Tirana per domani alle ore 21. Ecco le parole del tecnico olandese:

Come sta Bijlow?

Sta bene, è a disposizione. Si è allenato con la squadra, ha partecipato alla seduta odierna. È una partita importante, non: c’è nessun infortunio. Faremo un’ultima seduta, se sarà a disposizione sarà la prima scelta. Sta giocando molto bene, potrebbe essere il titolare dell’Olanda.

La Roma farà un pressing feroce…

Il Feyenoord deve fare un gioco di posizionamento, la Roma cercherà di tirare dalla distanza. Bisogna tenere conto di questa situazione. Abbiamo già vissuto esperienze simili in campionato, oggi ci sarà più tensione e nervosismo, bisognerà giocare come tutto l’anno e prendere in conto il gioco avversario.

Marciano?

Ha sempre giocato dopo l’infortunio di Bijlow, come tutti gli altri ha avuto un ruolo, ho già detto che se il nostro numero 1 è a disposizione scenderà lui in campo.

C’è più pressione con la presenza dei tifosi della Roma?

Ci dà qualcosa in più. Siamo in finale ed è interessante anche per il pubblico locale. Bisogna sfruttare questo entusiasmo. I giocatori non sono abituati a giocare finali, ma si stanno comportando come sempre.

Cosa l’ha colpita della Roma?

La Roma ha una grande tradizione, l’Italia ha ottimi giocatori, creativi nella fase offensiva, un bomber come Abraham e sa difendersi bene. Sappiamo cosa aspettarci, ma non si sa mai. A volte gli allenatori hanno assi nella manica, se dovesse sorprenderci ho detto che abbiamo disputato 55 partite, sarebbe una sorpresa se dovesse inventarsi qualcosa che non abbiamo ancora visto.

5 anni fa una squadra olandese ha giocato contro una squadra di Mourinho. Ha pensato a quella partita? Come si batte Mourinho?

Ho letto un articolo su questo argomento, ma non c’entra niente con la gara di domani sera. Uno dei gol nacque da rimessa laterale dell’Ajax. All’epoca le squadre olandesi cercavano un ritmo più blando, ma abbiamo fatto una crescita esponenziale da allora. Abbiamo uno stile di gioco completamente diverso. Possiamo segnare dalla distanza, ci siamo preparati per stili diversi. È chiaro che l’avversario non voglia questo ritmo blando, loro cercheranno di segnare da subìto. I giocatori stanno facendo molto bene, sono giocatori di qualità.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario