Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho, Abraham e l’occhiolino: storia di un’intesa

In Premier tutti li vogliono, ma la Roma se li gode: Mourinho e Abraham, che intesa

Una manciata di minuti al termine della finalissima di Tirana. L’ennesimo fallo conquistato per allontanare il pallone dalla porta giallorossa, la smorfia di dolore mentre si tiene stretta tra le mani la caviglia destra. Poi la telecamera si sofferma sulla sua espressione preoccupata, che all’improvviso scompare, lasciando spazio ad un occhiolino rivolto alla panchina giallorossa. Come diventare un giocatore perfetto per i canoni di José Mourinho? Per info, chiedere a Tammy Abraham.

Non sono bastati i 27 gol siglati in stagione per convincere tutti della sua adattabilità ad un calcio molto diverso da quello inglese: l’occhiolino, spedito in eurovisione, allo Special One, durante la finale di Conference League con il Feyenoord, ha letteralmente fatto impazzire il popolo calciofilo british.

Da sempre orfano e poco incline a “perdonare il tradimento” di chi, da inglese, abbandona la patria calcistica per cercare fortune all’estero, il numero nove giallorosso è finito nel mirino della critica britannica, che ha scoperto, come l’ennesimo effetto collaterale della Brexit, quanto sia diventato forte Tammy Abraham.

L’ex Chelsea si è effettivamente preso la scena, comandato e stimolato dal nuovo imperatore di Roma. José Mourinho. Un duo che continua a fare gola alla Premier League, con le sirene di mercato che tornano ciclicamente a farsi sentire dalle parti di Trigoria: l’Arsenal di Arteta farebbe carte false per avere Abraham al centro del proprio attacco, il Newcastle è invece pronto a ricoprire d’oro lo Special One, pur di affidargli la panchina bianconera. Ma in questo momento non ci sono nostalgie o proposte faraoniche in grado di farli vacillare: presente e futuro sono rivolti in una sola direzione: Roma. La Premier League dovrà quindi attendere per accoglierli di nuovo, per il momento potrà solo rimanere a guardare mentre costruiscono i successi in giallorosso. Lo scrive la Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa