Resta in contatto

News

Tancredi: “Super lavoro di Mourinho. Rui Patricio determinante”

Le parole dell’ex portiere giallorosso

Intervenuto a Teleradiostereo, Franco Tancredi ha parlato della stagione della Roma. Le parole dell’ex portiere giallorosso: “Mourinho è una persona intelligente, ha fatto un super lavoro, ha compiuto un autentico miracolo quest’anno, perché vincere in queste condizioni non era semplice: nessuno se ne rende conto, ma la Roma ha giocato un anno intero senza Spinazzola. La stagione è cambiata dalla partita con la Juventus, lì c’è stato l’episodio che poi la squadra si è portata dietro per il resto dell’anno: la sconfitta fu tremenda, ma da quel momento Mourinho è riuscito a trovare la quadratura del cerchio. Ora, però, per la prossima stagione servono due acquisti di livello per portare alzare la competitività della rosa”.

Su Rui Patricio: “E’ stato determinante, è un portiere fortissimo. Nella finale, ha giocato normalmente per 94 minuti, poi in quel minuto in cui il Feyenoord ha prodotto un grandissimo sforzo, Rui ha compiuto due interventi fantastici che hanno impedito agli olandesi di rientrare in partita e permesso alla Roma di mantenere il risultato. Non so quante stagioni possa mantenersi a questi livelli, ma Patricio è un portiere veramente forte”.

“Abraham è il mio preferito, è un grande attaccante, ma allo stesso tempo Pellegrini è uno splendido capitano: mi era stato parlato molto bene di Lorenzo, poi ho visto questa sua crescita e debbo dire che avevano ragione, perché stiamo parlando di un giocatore di alto livello e di un leader”, ha concluso.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News