Resta in contatto

Rassegna Stampa

Ecco Celik più Solbakken. La Roma compra a destra

I due esterni potrebbero essere i primi colpi di mercato per la prossima stagione

CORRIERE DELLO SPORT – A un passo da Solbakken, a due da Celik. Il cronomercato della Roma parte dalla periferia del campo e dell’Europa. Un attaccante esterno norvegese, un terzino destro turco. Tiago Pinto ha in pugno l’accordo con i giocatori e sta trattando con i rispettivi club, sfruttando un vantaggio negoziale: entrambi sono in scadenza. Il primo sarebbe libero a gennaio, il secondo a luglio 2023. Sono investimenti che costeranno in tutto alla Roma 12-14 milioni di cartellini, garantendo stipendi non troppo onerosi. Sono rinforzi che rendono più profonda la rosa, soprattutto sulla fascia destra.

Celik sarà una valida alternativa a Karsdorp, mentre Solbakken prenderà il posto di Carles Perez, che la Roma ha deciso di vendere dopo due anni e mezzo di fiduciosa attesa. Entrambi sono giovani (97′ e 98′) e non sono quindi soldi che la Roma spenderà a fondo perduto. La scelta è determinata dalla necessità: i giallorossi investiranno quasi tutto il budget della sessione estiva su un grande centrocampista, al quale sarà associato un altro acquisto nel reparto. Reali i contatti per Ruben Neves del Wolverhampton, assistito da Mendes, ma sul giocatore è andato forte il Barcellona. In Inghilterra piace anche Bissouma del Brighton, mentre Isco non sembra rientrare nei piani del club. Sul fronte italiano, non è un mistero che la Roma sia interessata a Maxime Lopez del Sassuolo, al contrario Frattesi non è mai stato chiesto, nonostante la percentuale sulla rivendita.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa