Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

A centrocampo si riparte da Cristante. Piace Bissouma, Celik per la fascia

Le strategie di mercato di Tiago Pinto

La scelta di Mkhitaryan di preferire l’Inter alla Roma ha cambiato le strategie di mercato della società giallorossa. Tiago Pinto sarà costretto a rivoluzionare un intero reparto, il centrocampo, che già prima della decisione dell’armeno aveva bisogno di un innesto di qualità, il regista a lungo richiesto da José Mourinho. Ora gli arrivi dovranno essere almeno un paio.

Uno da cui ripartire è Bryan Cristante. Il centrocampista della Nazionale piace a molte squadre, in Italia lo seguono il Milan e la Juventus, ma piace soprattutto al tecnico portoghese e per questo l’estate sarà dedicata al suo rinnovo, con prolungamento del contratto fino al 2026.

Cristante potrebbe essere l’unico superstite dell’ultima stagione perché il riscatto di Sergio Oliveira è tutt’altro che scontato. Ad eccezione di Bove, che rimarrà a Trigoria per continuare a fare esperienza alle spalle dei titolari, tutti gli altri sono destinati a partire.

Tra i nomi in entrata, Mourinho ha “suggerito” Yves Bissouma, centrale di centrocampo che gioca nel Brighton: classe ’96 maliano, è ottimo in fase di copertura e di ripartenza. Un altro obiettivo è Douglas Luiz, brasiliano dell’Aston Villa: ha il contratto in scadenza nel 2023 ed è valutato dal club inglese circa 30 milioni.

Piace molto Ruben Neves del Wolverhampton, assistito da Jorge Mendes, mentre col Sassuolo potrebbe iniziare una doppia trattativa per Frattesi (la Roma mantiene una percentuale del 30% sulla sua futura rivendita) e Maxime Lopez.

L’argentino Paredes (un ex) resta un sogno, soprattutto per via dell’ingaggio. Il nome buono per la fascia destra, invece, rimane quello di Zeli Celik del Lille, valutato circa 10 milioni. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa