Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pellegrini il capitano del futuro azzurro

Dal giallorosso di Roma all’azzurro di tutta Italia. La stagione di Lorenzo Pellegrini è un misto di colori bellissimi

Dal giallorosso di Roma all’azzurro di tutta Italia. La stagione di Lorenzo Pellegrini è una sfumata di colori che messi insieme compongono l’arcobaleno. A 25 anni il ragazzo di Cinecittà sta vivendo il miglior momento della sua vita calcistica: da capitano della squadra del cuore ha alzato al cielo un trofeo europeo, diventando in brevissimo tempo un punto di riferimento per lo Special One, e dopo qualche settimana ha indossato la maglia numero 10 della Nazionale.

Sembra un sogno, ma è semplicemente il film di un’annata indimenticabile che dovrà essere il punto di partenza per nuovi e più ambiziosi obiettivi. Grazie al contratto rinnovato fino al 2026, non sembrano esserci dubbi sul futuro di Lorenzo: alla prossima scadenza avrà 30 anni e nella sua testa c’è già l’idea di ripercorrere le carriere di Totti e De Rossi.

Il 7 sulla maglia della Roma è ormai un simbolo dal quale difficilmente Lorenzo si staccherà, mentre il 10 della Nazionale l’ha indossato per la prima volta sabato sera nel grande classico contro la Germania, con tanto di gol all’esordio. Pellegrini si è fatto trovare al posto giusto e nel momento giusto, raccogliendo l’assist dell’esordiente Gnonto.

Il Corriere dello Sport

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa