Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Da Felix a Volpato: i gioielli che servono per avere Frattesi

Pinto mette sul piatto i giovani per arrivare a Frattesi

La Roma dei Friedkin sa di avere in casa un tesoro rappresentato dai giovani che Alberto De Rossi ha tirato su e José Mourinho ha saputo valorizzare. In vetrina, in questo momento, i migliori di loro possono essere utili nella trattativa con il Sassuolo per avere Davide Frattesi. Intendiamoci, la questione ha dei punti di forza e altri di debolezza. Il club neroverde, forte anche delle offerte che arrivano dall’estero (Atletico Madrid su tutti), non pare intenzionata a scendere al di sotto di una richiesta di 30 milioni.

La società giallorossa, però, può giocare il primo asso rappresentato dalla clausola del 30 per cento da incassare in caso di cessione (l’aveva inserita al momento della vendita di Frattesi al Sassuolo) oppure da sfruttare per avere uno sconto in caso di acquisto. Così in vetrina ci sono innanzitutto Felix – che ha sbalordito tutti all’esordio in prima squadra – al fantasioso Volpato, della scuderia Totti. Due talenti che Mourinho ha già lanciato, intravedendone le qualità. Occhio, però, che le porte non sono chiuse per nessuno. Non è escluso, infatti, che il Sassuolo possa valutare anche ragazzi come Missori e Tripi, che devono ancora avere le loro prime, reali chance di emergere fra i grandi. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa