Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pruzzo: “Quest’anno terrei Zaniolo. Matic? Mi piace molto, è esperto e ha personalità”

Le parole dell’ex bomber giallorosso

Roberto Pruzzo ha rilasciato un’intervista a Il Messaggero, parlando della Roma e dei possibili rinforzi da consegnare a Mourinho. Queste le sue parole:

Cosa serve alla Roma per migliorare?

Due centrocampisti e un attaccante. Bisogna vedere cosa vorranno fare di Zaniolo.

Con un’offerta da 50 milioni lo venderebbe?

Bella domanda. Se arriva qualcuno disposto a spendere quella cifra per Nicolò ci penso, ma poi va però preso anche uno che faccia più gol di lui.

Tipo?

Se incassi quella cifra e prendi Berardi e un altro centrocampista, i tifosi magari potrebbero apprezzare. Berardi è una garanzia. Gioca ormai stabilmente in nazionale, ha 27 anni e ha fatto più di 100 gol in Serie A. Tuttavia sono cinque anni che resta al Sassuolo.

Zaniolo non può arrivare almeno 15 reti stagionali?

Se non 15, può arrivare almeno a doppia cifra sui 10/12. Quest’anno è stato molto deludente.

Quindi Zaniolo lo terrebbe?

Alla fine, dopo averci pensato a lungo, dico di sì, anche se si dovesse presentare qualcuno con 50 milioni in mano. Non rischierei. Ha ancora due anni di contratto e se la prossima stagione lo rilanci puoi venderlo la prossima anche 50/70. Prima, però, va trovata un’intesa sul contratto che ormai dura da tempo. Magari i due gol in campionato possono diventare 12, la Roma rivaluta il giocatore e può giocare nel sistema di Mourinho o anche in un 4-3-3 o 4-2-3-1.

Come giudica Matic?

Mi piace molto, è un calciatore esperto, di personalità, che ha giocato in grandi squadre come il Chelsea e il Manchester United e può reggere tranquillamente il confronto con la nostra serie A. Nel momento in cui hai lui, Cristante diventa il dodicesimo. Non sono una coppia.

Quindi serve anche un altro centrocampista?

Sì, serve uno che abbia più dinamismo, che sia capace di fare le due fasi. Un giocatore completo, in grado anche di regalare qualche gol alla mediana.

Il nome ideale?

Gundogan. Lui è una bella copia di Veretout, capace di interpretare il ruolo. Calciatore dinamico, conosce le due fasi e va al tiro. Oppure Ruben Neves del Wolverhampton. A differenza del tedesco, pur essendo dinamico non segna molto. Ma questo storicamente è il problema di molti centrocampisti portoghese.

Per la prossima stagione resterebbe con la difesa a tre o passerebbe a quattro?

Io giocherei a quattro dietro perché hai più garanzie. A tre puoi giocare se fai un centrocampo formato da Matic, Ruben Neves e Gundogan. Davanti Pellegrini, Zaniolo e Abraham, in difesa tieni Smalling e Ibanez mettendo in panchina Karsdorp. Magari ti inventi Spinazzola a destra o Celik, il terzino del Lille che sembra ormai prossimo ad essere acquistato.

Sarebbe un centrocampo da Champions.

Con questi nomi regaleresti internazionalità al reparto, diventerebbe un centrocampo di grandissimo livello. Si spera sempre di poter migliorare. Io me lo auguro di cuore perché in quel settore la Roma avrebbe bisogno di due o tre giocatori nuovi e soprattutto di grande qualità.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa