Resta in contatto

Rassegna Stampa

C’è ottimismo per Celik: l’accordo a 8 milioni

Si avvicina il turco

Countdown Celik. C’è un contagioso ottimismo attorno all’imminente chiusura dell’operazione tra la Roma e il Lilla. La distanza tra i due club (offerta 7 milioni, richiesta 9)) si è ulteriormente ridotta e già questa settimana è prevista la fumata bianca sugli 8 milioni di euro, con bonus.

Il terzino turco non è una riserva nei piani del club, bensì una vera e propria alternativa a Karsdorp. In Francia Celik è stato esaltato per le sue caratteristiche, per la sua tecnica e probabilmente con un manager come Mourinho potrà allenare anche la forza mentale.

Con in tasca il sì del 25enne, al quale è stato garantito un contratto di circa 2 milioni a stagioni, la Roma è riuscita a strappare quindi pure uno sconto importante al club francese.

Il giovane Tripi è destinato a lasciare la Capitale per fare esperienza altrove. Prevista pure la partenza di Darboe, mentre il Getafe potrebbe decidere di presentare più avanti un’offerta per Villar (molto stimato anche dal tecnico dell’Inter Simone Inzaghi). L’obiettivo degli spagnoli è quello di ottenere uno sconto rispetto al riscatto fissato. Calafiori è stato proposto senza successo al Lecce, per Carles Perez si segnalano movimenti dalla Spagna. È in uscita anche Veretout, che la Roma valuta sui 10 milioni di euro. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa